Chi siamo

Forum

01695356
Oggi
Ieri
Questa settimana
Nel mese
Lo scorso mese
Visite totali
133
342
1380
6404
10252
1695356
dal 30 marzo 2013

ZDENEK ZEMAN A PARLA CON ME (RAI TRE)

09/12/2009

ZDENEK ZEMAN A PARLA CON ME (RAI TRE) con la trascrizione letterale delle parole di Zeman
Trascrizione di Stella Corigliano

Splendida la presentazione fatta da Serena Dandini "Sono un po' emozionata... vorrei presentare un ospite a cui tengo molto. E' stato uno degli ultimo profeti del calcio spettacolo. Ha consacrato la sua carriera al bel gioco. Ha scoperto e lanciato tanti campioni. Poi sono arrivati gli scontri col Palazzo, la denuncia del doping del malaffare nel calcio e improvvisamente si è ritrovato fuori dal grande circo. Insomma più che un allenatore un eroe romantico. E' con noi Zdenek Zeman"

 

La presentazione di Zeman è in stile "the winner is..."

Non è casuale la presenza dei Velvet.. con la loro maglia "Zeman 433 - Il risultato è casuale.. la prestazione no" ed è proprio Zeman che ricorda che è la maglia che indossavano a San Remo qualche anno fa.. segno che Zeman gli attestati di affetto dei suoi tifosi li apprezza in qualunque forma siano manifestati.

La Dandini esordisce in modo sagace: "intanto io con lei starei zitta anche mezz'ora su questo divano… così..."

D. E’ vero che lei nelle interviste parla poco?

- No.. Se c’è qualcosa da raccontare

D. Di lei si è detto tutto. Ha ispirato canzone di Venditti, ha ispirato libri, il suo sito è cliccatissimo e seguito dal mondo del calcio, è stato fatto il film zemanlandia, lei è diventato addirittura un aggetivo qualificativo.. si dice “ zemaniano”.

- Non è tutto colpa mia.

D. Come vive questo culto della personaliltà.. questo grande amore?

- Io lo vivo bene, io ho fatto calcio. Ci sono tifosi che vogliono emozioni e io ho cercato sempre di darle, se me lo riconoscono ancora oggi, io sono contento

D. Lei ha sempre regalato emozioni e spettacolo. La sua filosofia è quella del bel calcio giocato

- Risultati non sono stati brutti come si dice. Su 300 partite in A sono più quelle vinte che quelle perse, i gol più quelli fatti che quelli subiti

D. Lei è famoso anche per le sue “Perle di saggezza”

- Ogni tanto mi escono

D. Il risultato è occasionale la prestazione no

- Allenatore lavora per prestazione poi può capitare episodio che determina un risultato casuale ma se allenatore lavora per prestazione arriva risultato

D. Lei non ha mai fatto gioco a chiudere

- Questo è errore. io ho sempre cercato di chiudere magari 80 metri più avanti di quello che fanno gli altri però..

D. Non c’è nulla di disonorevole nell’essere ultimi, meglio ultimi che senza dignità

- Questa frase fu detta in un preciso periodo. La squadra era ultima ma giocava con onestà in campionati virtuali…

D. Cioè campionati che si sapeva come andavano a finire… Lei viene stimato per le sue denunce che hanno scatenato il terremoto doping. Lei è il simbolo della lotta a calciopoli. Lei ha detto: “la mia verità è la verità di tutti” lo rifarebbe date le conseguenze?

- lo rifarei perché lo sport ha sempre avuto sua etica e deve continuare ad averla. Problema è che oggi lo sport diventa business e business ha altre regole e altri comportamenti. Si va sempre in campo ma non sempre vince il migliore non sapendo perchè non ha vinto. Io ho denunciato abuso di farmaci poi discorso è arrivato alla juve ma c’erano altre squadre. Credo che magari ho contribuito a dare più conoscenza su doping. Ora giocatori sanno che Samir è antidepressivo e non vitamina e spero di aver aiutato qualcuno a riconoscere doping

D. Il calcio è cambiato sul doping?

- Io ora sto fuori. Ma spero di sì. Spero che giocatori pensano più alla salute… Continuo a dire che sport è cosa meritocratica. Che è giusto che vince chi è migliore, chi lavora meglio.

D. Calciopoli ha dimostrato che non è così.. c'erano poteri forti che decidevano le partite... dire quello che lei ha detto l’ha messo non proprio in simpatia

- Del sistema calcio fanno parte tante persone... Da intercettazioni che stanno su libro nero e libro rosso si è visto che calcio non era vero..

D. Non ha giovato alla sua carriera essere coraggioso e sincero

- Sicuramente no. Visto che in ultimi 10 anni ho allenato solo una volta in serie A.. anche con discreti risultati. Ma ora sono fuori

D. E’ vero che ha imparato a giocare al golf?

- sì è vero.. sto imparando ma sono autodidatta.

D. Fa 433 anche a golf?

-Sì, attacco.. ma mi si postano ogni tanto le buche!

D. A proposito del mitico 433 si può dire che è una soluzione matematica?

-È geometria, consiste nel coprire tutti gli spazi con raziocino. Ha importanza modulo solo se fatto bene. Se non è fatto bene non serve a niente. Non l'ho scelto solo io... Lo fa anche Barcellona e se lo fa Barcellona lo posso fare pure io.

D. Lo fa anche Mourinho?

- Lui ci ha provato… lo ha fatto solo le prime tre settimane.. poi ha abbandonato.. in base alle caratteristiche dei giocatori che lui stesso ha scelto doveva insistere... senza lavoro non ci si va…. Se dopo due partite uno abbandona vuol dire che ha altri motivi

D. Lei ha detto che lo apprezza più come comunicatore che come allenatore

- Nel tempo di oggi ci vuole l’essere un buon comunicatore. Lui poi siccome è l’allenatore più pagato deve difendere sua posizione. Sul campo non sempre ci riesce e se la cava meglio fuori.

D. Ha visto la qualificazione della Francia?

- Ho visto… nel calcio queste cose succedono. Era successo anche alla prima giornata e nessuno ha detto niente. Successo nella fase finale ha creato polemiche. Arbitro non ha visto …Fa parte del gioco..

D.Cosa pensa del gesto di fair play di Pillon...?

- E’ un atto di correttezza… poi è difficile convincere i giocatori e poi raccontarlo al presidente.. i tifosi sono rimasti male. E’ stata un’azione dimostrativa che si può essere corretti in campo. E se ne vedono poche correttezze in campo

D. Lei lo avrebbe fatto?

- Non so, bisognerebbe trovarsi in quelle situazioni

D. Lei è passato da Lazio a Roma indenne e rimanendo amatissimo

- ho tanti amici laziali e romanisti. mentre tifoso nasce tifoso noi che lavoriamo no… io sono nato tifoso della juventus perchè mio zio giocava in quel periodo nella juventus. Camminavo vestito a strisce bianconere… Sono persone che stanno nelle società che magari sbagliano...… ma la storia non s cambia... sono contento di poter camminare per città

D. Cosa pensa di Capello, che non può camminare per la città?

- Bisogna darci meriti per scudetto.. ma poi per come fu gestito quel periodo io credo che società ha pagato paga e pagherà ancora per qualche anno errori fatti allora su lato finanziario

D. Ranieri arrivato a Roma ha detto “scordatevi bel gioco”

- Penso che bisogna cercare di far venire gente allo stadio per darci qualcosa, emozioni, bel gioco, spettacolo… se si gioca solo per se stesso tanto vale giocare a porte chiuse. Tanto poi risultato si vede dopo.

Molti la pensano come Ranieri.

D. Ranieri le ha dedicato una risposta “ho dedicato più tempo io in questo periodo alla fase difensiva di quanto non abbia fatto Zeman in tutta la carriera”

- Ricordo un 8 a 2 con la Fiorentina quando lui stava alla Fiorentina… però 8 gol sono tanti

D. Cosa pensa di sè come allenatore?

- Penso che allenatore è il mestiere che mi piaceva che mi piace e che vorrei continuare a fare per dare qualcosa ai tifosi

D. Lei dice che non ha eredi. Ma anche suo figlio Karel fa l’allenatore.

- Io ci ho detto sempre "cambia lavoro". Ma quando uno ha amore per sport è difficile fermarlo. Pure mio padre voleva che facessi medico, ma io volevo fare uomo di sport, non nel calcio ma in altri sport… pallavolo, pallamano, hockey su ghiaccio, baseball, nuoto… Karel per ora non vuole fare lavoro per cui si è laureato, come si è laureato altro figlio, ma vuole fare allenatore del resto da quando aveva sei mesi lo portavo con me.

D. Anche Karel fa 433?

- Sì Karel fa 433.

ARRIVA IL FUOCO DI FILA DI DARIO VERGASSOLA E ZEMAN REGGE IL GIOCO ALLA GRANDE

V. Lei sollevò la questione doping… ma non ci sono oggi alcuni mediani che corrono a piedi più forti dei loro porche cayenne?

- No, non ne ho visti ultimamente

V. E’ vero che nel calciomercato ci sono giocatori talmente pieni di farmaci che si possono assumere solo lontano dai pasti?

- Di solito si fa subito dopo

V. Lei dice che Moggi le ha rovinato la carriera, perchè... fare il fuorigioco appena fuori l'area avversaria gliel'ha allungata la carriera?

- No. Penso che qualche guardalinee o assistente di arbitro sì perchè li ho visti poco allenati e quindi farli muovere sulla linea ci serviva...

D. Moggi non è più nel mondo del calcio, lei non è più nel mondo del calcio. Tra lei e Moggi chi conta di più oggi?

-Problema è che io non ci sono, lui c'è.

V. Lei continua a dire che alla Roma dava fastidio… che cosa faceva di così grave? toccava il culo a Ilary Blasi?

- Ai miei tempi non c’era ancora

V. Il suo modulo è il 433. E' vero che non ha mai allenato il Milan per paura che Berlusconi le imponesse l'144?

- No io penso che a Berlusconi ci piaceva 433… Solo che non aveva allenatori per farlo

V. quale canzone le ha dedicato Venditti “notte prima degli esami del sangue e delle urine”?

- No, “La coscienza di Zeman”.. all’inizio non era stata scritta per me .. ma per qualcuno di qualche partito.. poi visto che c'erano affinità...

V. Considerata la sua abitudine al fumo e che ora non sta fumando da 15 minuti per lei è come aver smesso?

- No, è come in aeroporto anche lì non fumo. Comunque non ho smesso ancora… ancora sto bene

V. Lei ha detto che le sarebbe piaciuto allenare Maradona… Mister ma non era contrario alle droghe?

- Ma io spero che ce le levavo

V. Un inguaribile sognatore?

- Non si sa mai che succede

FINALE

Serena Dandini: "mi promette che tornerà un’altra volta?"

- Torno se trovate nuovi argomenti