Chi siamo

Forum

01667395
Oggi
Ieri
Questa settimana
Nel mese
Lo scorso mese
Visite totali
119
389
805
7118
7413
1667395
dal 30 marzo 2013

ZEMAN: l’intervista integrale della rivista spagnola MARCA

08.11.2014 ZEMANlandia433

ZEMAN: l’intervista integrale della rivista spagnola MARCA

Grazie al nostro amico Zemaniano Marco Tondi siamo riusciti ad avere copia della rivista spagnola MARCA.
Siamo lieti di riportarvi - per primi - l’intervista integrale in lingua originale rilasciata da ZEMAN a Marca.

“Creo que hay dopaje en el ‘calcio”

El técnico del Cagliari habla claro, como piensa. Desgraciadamente su osadía le convierte en sospechoso, pero él vive en paz consigo mismo

Julio Campo – Cagliari

Cagliari es una isla que, por su posiciòn estratégica en el Mediterràneo, estuvo mucho tiempo ocupada. Eso obligò a su poblaciiòn a refugiarsee en el enterior. El sardo es timido, pero bondadoso. Hay algo de eso en Zdenek Zeman, un tipo singular, simpàtico y sarcastico.

Pregunta: Le gusta el fùtbol?
Respesta: Claro che me gusta, porque e salgo che hago desde hace muchos años.

P. Usted, que es un romàntico, como sobràvive en un calcio enfermo?
R. Creo que las enfermedades estàn fuera de este deporte, porque muchos jugadores y entrenadores lo hacen por pasiòn. No me siento ùnico.

P. Erick Thohir (presidente del Inter) dice que otro “calciopoli” matarìa a la serie A. Està de acuerdo?
R. Sì, pero yo creo que gran parte de la culpa la tienen los dirigentes u presidentes. Asì suceddiò con esta historia en 2006.

P. De Sanctis, portero de la Roma, sostiene que “el hincha violento es un problema institucional, pero he visto sociedades conniventes”. No cree que haiy màs culpables?
R. Muchas sociedades son rehenes de sus tifosi, que amenazan y les hacen ceder. El problema es que si lo denuncian, ellos se rebelan y provocan el cierre de los estadios.

P. Segùn la Agencia Mundial Antidopaje (AMA), 31 millones de deportistas recurren a produco illegales para incrementar su rendimento. Què le parece?
Siempre es estado en contra. El deporte debe ser una cuestiòn de mèritos. Hay que eliminar a todos quello que, no siendo tan buenos, se quiete ayudar asì para mejorar sus prestaciones.

P. En 1998 reventò el “stablishment” italiano al decir que la Juve abusaba de farmaco. Como estaba tan seguro?
Todo comenzò en el Tour del 98, donde desscalificaron a muchos ciclistas. Yo estaba convencido de que en fùtbol tambièn sucedìa esto. Muchos mèdicos de clubes provenìan del ciclismo. Algunos jugadores cambiaban muscolatura: en tres meses necesitaban tres tallas màs. Ademàs, se podia leer en los periòdicos que un porter de 28 años tenìa que cambiar de guantes porque le crecìan las manos.

P. Tras un proceso largo, el juez dijo que habìa dopaje, pero el asunto prescribiò. Mereciò la pena todo?
Me quedè mal porque no se hicieron las cosas bien. Pero yo duermo tranquilo, solo me preocupo por la salud de los jugadores. Creo que actualmente sigue habiendo dopaje. Han muerto jugadores importantes que han tomado cosas… Me sabe mal que se muera en el deporte solo por ganar un partido màs. Evidentemente, los responsables non han ayudado a que el fùtbol crezca.

P. Cree que hay un sistema de ayudas hacia la Juventus?
R. Los grandes siempre reciben màs ayudas. Es normal, y sucede en todos sitios, tambièn en otros deportes. No es justo, y no deberìa ser asì. Hay gente condicionada por esto.

P. Por què eligiò el Cagliari?
R. Es un club quel leva muchos años en serie A. Està en un isla, por lo que toda la regiòn arropa. Tambièn influyò el cambio de presidente (Giulini sustituyò al discolo Cellino ndr).

P. Afirmò que su Cagliari movia el balòn como el Barça, pero que no sabìa muy bien què hacer con èl. Ha encontrado ya el sentido?
R. Jugamos como equipo, nos movemos todos juntos. E salgo a los que nos tenemos que habituard poco a poco.

P. Ve una utopia emular el “scudetto” que lograron con Gigi Riva en el 70?
R. Es dificil, porque hoy hay mucha màs diferencia econòmica. Antes cualquier club podìa competir.

P. Puede repetir aquì los milagros realizados en el Foggia o Pescara?
R. Què milagro? Este equipo juega en serie A. A desde hace años. En Europa hau siempre espacio para entidades màs pequeñas, como este año sucede con el Torino. Espero que el Cagliari en poco tiempo consiga meterse en Europa.

P. Usted no tiene tìtulos, pero ha sido clave en la carrera de jòvenes que luego triunfaron. Es su gran èxito?
R. Es fàcil ganar con Madrid, Barça, Milan o Juve. Yo, por ejemplo, creo no haber dirigido plantillas para ganar un tìtulo importante. Eso sì, todas ellas tenìan siete u ocho internacionales por Italia.

P. Le sentò mal cuando MOU recordòp su currìculo?
R. Ganar no es importante. Un tècnico debe mejorar los jugadores que tiene a su disposiciòn. EEn esta faceta estoy feliz.

P. Dod de sus tres ultimo pupilos (Verratti e Immobile) estàn fuera de paìs. Cree que en Italia, màs alà de la crisis, no se valoran los talentos?
R. Son decisiones de los equipos, y no sé si lo hacen por temas de merchandising, Immobile fue el pichichi de la Serie A, pero se tuvo que marchar. Ahora llegan estranjeros peores que èl. No hay lògica en estas decisiones.

P. Dice que con las comisiones de los agentes se podràn construir los equipos B
R. Los representantes nacieron para gestionars las ganancias del jugador, que en su dìa se gastaban todo el dinero con 30 años y no tenìan para comer con 40. Hoy su trabajo es moverlos de un lado a otro… Su figura no tiene sentido. Sii uno es bueno no necesita a nadie para ambiar de camiseta.

P. Es que usted no tiene representante?
R. No Quien ne quiera me llama, negocia y basta.

P. Sacchi dice que se necesitan 100 Zeman en Italia porque su equipo juega un fùtbol ofensivo y divertido. Que fùtbol tiene en su cabeza?
El que quiere hacer divertir a la gente, pero para eso hay que hacer sacrificios fisicos, tecnico y tàcticos. Cada dìa hay que aprender algo nuevo. Yo no quiero nunca adaptarme al adversario. Me gustaba la Holanda de Rinus Michels, porque tenìa movimento y partecipatiòn de todos sus jugadores. No dependia solo de Cruyff. Para mi no e salgo relacionado con el coraje. Construir es màs dificili que destruir.

P. Violencia, apuestas ilegales, politica… Seguro que le gusta el “calcio”?
Solo me gusta el interno, el fùtbol. Lo demàs no lo puedo cambiar. Hay un gran problema de educatiòn.

P. Existe el fùtbol de verdad?
R. Si yo lo hago quiere decir que existe. Espero que dure todavìa algùn año màs conmigo.

P. Ha tenido alguna oferta de España?
Muchas, pero no nos pusimos de acuerdo. Con el Barça hablè, pero no se pudo cerrar.

P. Què entrenador estima?
R. Los que intentan construir. Admiro al tècnico que hace el jugador, y no al revès. Hiddink siempre me ha gustado.

TESTO DELL'INTERVISTA TRADOTTO PER SUPREMOBOEMO.IT
DA MARCO TONDI

“Credo ci sia del doping nel calcio.”  

Il tecnico del Cagliari parla chiaro, come pensa. Purtroppo la sua audacia lo rende sospetto ma lui vive in pace con se stesso. 

Julio Campo – Cagliari  

Cagliari è una isola [qui chiaro l’errore del giornalista] che, per la sua posizione strategica nel Mediterraneo, fu per molto tempo occupata. Ciò obbligò la sua popolazione a chiudersi in se stessa. Il sardo è timido ma cortese. C’è qualcosa di questo in Zdenek Zeman, un tipo singolare, simpatico e sarcastico.  

Domanda: Le piace il calcio?
Risposta: Certo che mi piace, perché è ciò che faccio da molti anni. 
 

D. Lei, che è un romantico, come sopravvive in un calcio malato?
R. Credo che le malattie stanno fuori da questo sport perché molti giocatori e allenatori lo fanno per passione. Non mi sento solo. 
 

D. Erick Thohir (Presidente dell’Inter) dice che un altra “calciopoli” ucciderebbe la serie A. E’ d’accordo?
R. Si, ma credo che gran parte della colpa sia dei dirigenti e dei presidenti. E’ quello che successe nel 2006. 

D. De Sanctis, portiere della Roma, sostiene che “il tifo violento è un problema istituzionale, ma ho visto società conniventi.” Non crede che ci siano altri colpevoli?
R. Molte società sono ostaggi dei propri tifosi, vengono minacciate e poi cedono. Il problema è che se denunciano questo, i tifosi si ribellano e provocano la chiusura degli stadi. 
 

D. Secondo l’Agenzia Mondiale Antidoping (AMA), 31 milioni di sportivi nel mondo ricorrono a farmaci illegali per incrementare il proprio rendimento. Cosa ne pensa?
R. Sono sempre stato contro. Lo sport deve essere una questione di merito. Bisognerebbe escludere tutti quelli che, essendo in malafede, si aiutano in questo modo per migliorare le proprie prestazioni.  

D. Nel 1998 scoppiò l’establishment italiano quando si disse che la Juve abusava con i farmaci. Come faceva ad essere così sicuro?
R. Iniziò tutto nel Tour del 98 dove squalificarono molti ciclisti. Io ero convinto che anche nel calcio succedeva la stessa cosa. Molti medici dei club provenivano dal ciclismo. Alcuni giocatori cambiavano muscolatura: in tre mesi avevano bisogno di tre taglie in più. Per di più, sui giornali, si poteva leggere di un portiere di 28 anni che ha dovuto cambiare i guanti perché gli crescevano le mani. 
 

D. Dopo un lungo processo il giudice confermò l’uso del doping ma il reato fu prescritto. Ne valeva la pena?
R. Rimasi deluso perché le cose non vennero fatte bene. Io però dormo tranquillo, mi preoccupo solo per la salute dei giocatori. Credo che ancora oggi ci sia il doping. Sono morti giocatori importati che hanno assunto sostanze… Mi sento male al pensare che nello sport si muoia per vincere una partita in più. Evidentemente i responsabili non hanno dato aiuto alla crescita del calcio. 

D. Crede che ci sia un sistema di aiuti verso la Juventus?
R. Le grandi ricevono sempre degli aiuti. E’ normale, succede ovunque, anche negli altri sport. Però non è giusto, non dovrebbe essere così. Ci sono delle persone condizionate da questo.
 

D. Perché ha scelto il Cagliari?
R. E’ un club che da parecchi anni è in serie A. E’ in una isola, e tutta la regione lo sostiene. Ha influito anche il cambio di presidente (Giulini ha sostituito  il vivace Cellino ndr). 
 

D. Ha affermato che il suo Cagliari muoveva il pallone come il Barça ma non sapeva che farne. Ha già trovato la risposta?
R. Giochiamo da squadra e ci muoviamo tutti insieme. E’ qualcosa alla quale dobbiamo abituarci poco alla volta. 

D. La vede come una utopia emulare lo scudetto che ottennero con Gigi Riva nel 70?
R. E’ difficile perché oggi c’è molta differenza economica. Un tempo qualsiasi club poteva vincere. 
 

D. Può ripetere qui i miracoli realizzati a Foggia o Pescara?
R. Quale miracolo? Questa squadra gioca in serie A. Da tanti anni. In Europa c’è sempre spazio per entità più piccole, come quest’anno per il Torino. Spero che il Cagliari in poco tempo conquisti un posto per l’Europa.
 

D. Lei non ha titoli ma è stato determinante per la carriera di giovani che alla lunga hanno trionfato. E’ il suo grande successo?
R. E’ facile vincere con Madrid, Barça, Milan o Juve. Io, per esempio, credo di non aver mai diretto rose per vincere un titolo importante. Questo sì, loro avevano sette o otto internazionali in Italia. 
 

D. Le dispiacque quando MOU le ricordò il suo curriculum?
R. Vincere non è importante. Un tecnico deve migliorare i giocatori che ha a sua disposizione. Di questo sono felice. 
 

D. Due degli ultimi suoi tre pupilli (Verratti e Immobile) sono all’estero. Crede che in Italia, al di là della crisi, non si valorizzano i talenti?
R. Sono decisioni delle squadre e non so se lo fanno per questioni di merchandising. Immobile è stato il capocannoniere della serie A ma è dovuto andarsene. Ora arrivano stranieri peggiori. Non c’è logica in queste decisioni.
 

D. Dice che con le commissioni degli agenti si potrebbero costruire le squadre B.
R. I rappresentanti sono nati per gestire i guadagni del giocatore, che in un giorno spendevano tutto il denaro di 30 anni e non ne avevano per mangiare ai 40. Oggi il loro lavoro è muoverli da una parte all’altra… La sua figura non ha senso. Se uno è bravo non ha bisogno di nessuno per cambiare maglia.
 

D. E lei non ha l’agente?
R. No. Chi mi vuole mi chiama, negozia e basta.
 

D. Sacchi dice che l’Italia ha bisogno di 100 Zeman perché la sua squadra gioca un calcio offensivo e divertente. Che calcio ha nella sua mente?
R. Quello che fa divertire la gente, ma per questo bisogna fare sacrifici fisici, tecnici e tattici. Ogni giorno impari qualcosa di nuovo. Io non voglio mai adattarmi all’avversario. Mi piaceva l’Olanda di Rinus Michels perché c’era movimento e partecipazione da parte di tutti i giocatori. Non dipendeva solo da Cruyff. E per me non c’entra il coraggio. Costruire è più difficile che distruggere.
 

D. Violenza, scommesse illegali, politica… Sicuro che le piace il calcio?
R. Mi piace solo il calcio. Il resto non lo posso cambiare. C’è un grande problema di educazione.  

D. Esiste veramente il calcio?
R. Se io lo faccio vuol dire che esiste. Tuttavia spero che duri ancora qualche anno con me.  

D. Ha avuto qualche offerta dalla Spagna?
R. Molte, ma non ci siamo messi d’accordo. Parlai con il Barça, ma non si fece nulla. 
 

D. Quale allenatore stima?
R. Quelli che cercano di costruire. Ammiro il tecnico che fa il giocatore, non il contrario. Mi è sempre piaciuto Hiddink.