Chi siamo

Forum

01694440
Oggi
Ieri
Questa settimana
Nel mese
Lo scorso mese
Visite totali
231
233
464
5488
10252
1694440
dal 30 marzo 2013

ZEMAN: modern football, before it was… modern

Ecco come viene visto il calcio italiano da chi vive da vicino il calcio europeo. Ma soprattutto il calcio di Zeman, con particolare riferimento al Cagliari, è visto, da chi vive oltre i confini italiani, come assolutamente all'avanguardia.
Riceviamo a pubblichiamo volentieri l'articolo di una "penna zemaniana", Dan Achim di Bucarest, scritto in esclusiva per supremoboemo.it.
Studioso del calcio europeo e particolarmente esperto di calcio tedesco e inglese, Dan Achim segue Zeman dai tempi in cui nel Foggia militava Dan Petrescu, suo connazionale.

Sotto il testo originale in inglese, la traduzione a cura di Stella Corigliano.

13.12.2014 ZEMANlandia433

ZEMAN: modern football, before it was… modern

di Dan Achim (Bucarest) 

I find myself wondering, despite decent recent results at national team level (2012 EC final), why does the Italian football keep sinking deeper and deeper at club level. The answer is actually pretty obvious, the football did not adapt to what’s happening in other parts of Europe, like Spain, Germany and England. The nowadays Italian football has the same mentality and preparation as in the 90s, but without the 90’s world players. Without top investments, this strategy simply can not function. Thus, the entire Italian football system should regroup and reform from the basis. Exactly as Germany did after the 2002 WC. 

I’m not going to refer here to the state’s involvement, but I will address the system they employed starting with the youth sector. Klinsmann and Löw drafted a strategy that outlines a new approach to the game (well, new for Germany but as we will see, not so new after all), with an attacking mentality from the very first minute on the pitch. This philosophy basically meant a specific focus on aggression, pressing high, playing vertical, keeping the team short on the field at all times and most of all speed. In order to be able to sustain such an increased level of pressing and pace, the main focus must be on the physical part of the preparation. With modern methods imposed by well prepared physiotherapists (hailing also from the army!), such as TRX bends, speedcourts, elastic balls etc. and an emphasys on training the footballer like a footballer instead of a long distance runner, with specific moves that a player must make throughout a game, the new system began to take shape. Also, this new strategy implied a brand new scientifical approach to the recovery aspect. 

Indeed, it took time, but the system produced and still keeps producing young and amazing talents, all with the same type of mental and physical training. It took about 10 years for this system to actually get the results, in 2013 the CL final, the most important club competition in the world, was disputed between two German sides, Bayern Munich and Borussia Dortmund, both after passing the Spanish giants Barcelona and Real Madrid. To sum up, this is what needs to happen in Italy, an entirely new strategy that has to start from the lowest levels, both in terms of age as well as in terms of leagues. For this the Football Federation with help from the state must reevaluate the coaching schools, impose new methods of training and support, obtain the knowhow by employing qualified personnel. However, this will never take shape without the involvement of the clubs. The clubs must implement this strategy from the very core, the youth groups. The mentality needs to change in order for a player to already possess all the basic skills and the winning mentality when they reach professional level. It is a hard task for any manager these days to try and reinstall those values into the already shaped and altered minds of young players. 

Taking a closer look at what happened recently in the Champions League, let’s discuss a bit the Roma-Manchester City clash. I think that, despite a brave and correct approach, Roma painfully understood the difference between the Italian league and the English league. Even if we’re talking just about the pace, speed, a rhythm that probably (almost) no italian team can sustain in respect to an english or german one (see the Bayern disaster). I'm refering here to the top teams from the those leagues. As mentioned, in order to be able to adapt to that level of football, the so-called modern football, italian teams need to completely reshape and redevelop their physical and mental training, otherwise they won't be able to compete anymore at the highest of levels. 

To some people it may be a paradox, but from what I can tell, the only team in Italy that can sustain the pace of an english game is Cagliari.

Ok, they may lose that game, but mentally and physically they are at the same level. The only difference is in quality and that requires budget, investments, that sort. That, however, can be overcome with the exact type of project Zeman is implementing there. It takes time, because it is a long term project and that requires patience and determination from all the people involved in the management of the club, but also from the fans. If Zeman is allowed, in 3-4 years he can create a squad that can compete even for the league, if the top teams don't drastically change their approach to football. Isn't this amazing, the most fresh and modern manager in the Italian league is also the oldest one? 

The Zeman ways are implemented all over Germany and England and it's no surprise that they are on top, right next to the Spanish top clubs. While in Italy there is still so much emphasis on static systems, the initial state of play in german or english league is focused on the dynamics of the tactical systems. The initial setup is only relevant for the players to understand their role, but in modern football, they have to be all over the place. The left wingback/fullback must cover the left central back when he moves on an open ball, while at the same time his own place must be covered. The whole team in modern football moves like a living organism. That’s the only way to win. 

Zeman employed this "wheel-type" system even from the early stages of his career and despite his initial 433 setup, this will look at times as a 235 or a 451, depending on the dynamics of the phase. If you look at Klopp’s 4231, on the attack phase it will look exactly like a 235 and a 451 on defense. It’s all so incredibly complex, that while italian football professionals and mostly media get stucked in analysing starting systems and static positionings, the entire competitive world already moves in diferent stages of the game, taking football to whole new levels. 

Zeman understood that long before it reached the nowadays levels. He was “modern” before modern even existed. The 1992 Foggia was just as fast, tight, aggressive and straightforward as the 2013’s Dortmund. It’s clear that if Zeman were to have moved to Germany or England instead of Italy, his mentality would have fit like a glove and he would have find there a different environment where he would have been given much more confidence and patience to create teams than in Italy, where the only goal is the result at all costs. When Italian football was financial stronger or at least at the same level with England for instance, that could have actually been possible. But nowadays, it doesn’t stand any chance anymore. The fees, the wages, the budgets are ten times bigger at top English clubs compared to the Italian ones. So before asking for results, club owners must first look at what conditions they are offering a manager to get those results. In order to pretend something one must offer the best possible environment for development, both in terms of training facilities (I am putting here this link so that people can understand what a real training base in 2014 should look like: https://www.youtube.com/watch?v=bJcSozlwl6c), budget, marketing and a stadium.

 As I understand, the present owner of Cagliari seems like an intelligent business man who understand how to shape and implement a long term project, who has important objectives to create all the possible facilities in order to achieve real performances. This project is only in its initial phase. There is still a lot more to come, in all aspects involving resources. With the present roster that they can afford at the moment, Cagliari is producing some outstanding football, of course there is still a lot of room for improvement for the players in terms of tactical intelligence, positioning, movement without the ball, pressing, distance between compartments and other aspects and automatisms which can not be implemented and completely understood over night. Come spring, Cagliari will look much tighter, much more compact, consistent and solid. There is no doubt in my mind that, given time and confidence from the ownership, Zeman will create a very solid and yes, beautiful squad. Many players will still come and go, until the right ones come in place. There are already very interesting and potential prospects, very young, and as we all know, youth means inconsistent. They will grow next to the more experienced players, they will better assume and understand their roles in Zeman’s game, in time. Things will get better and eventually the results will come. Zeman has to do the titanic work of working also in terms of mentality which is wrongfully assumed by italian players in their early years of development. So basically he has to start from scratch, by telling them in the first place that in nowadays football you must enter the pitch with the thought of winning and that it can only be achieved by attacking, by putting the opponent under pressure, not the way they were taught in their early days, which is “to park the bus” in the goal and possibly, if lucky, strike on a counter. Making the players believe, assume and live by this mentality is the most difficult task that Zeman has to overcome. Given space and confidence, I am positive he succeed. 

In conclusion, if Italian football won't change, completely, their mentality and adapt it to what's top now in football, it will sink even deeper. Italy needs more managers like Zeman, his philosophy must be taught in coaching schools and implemented in youth academies all over the country, otherwise the future will be very bleak for Italy in terms of success. Like in any field of activity, also in football one needs to adapt in order to be successful. Results are never random, they are always based on thorough strategies. 

Italy has a jewel like Zeman in its own backyard and instead of using his know-how, the media talks shit because he lost at home a few games? So what?! As I said, it is a long term project, takes time to create those automatisms, takes time to get the right players, to get them to truly sense the game. But Zeman will get there, if he is given time. What seems to be very worrying, in my opinion, is that almost all the media and football managers in Italy, (with the exception of Sacchi and Benitez who finds it hard in Italy to make the players adjust to what he was used to in the Premier League), seem to be absolutelly clueless to what’s happening in the real world of football. The real world of football being the one at the top where they think Italy still is. Italy is not there anymore and it won’t be for a long time now. At least 10 years if, and only if, the entire football system is completely reevaluated, restructured and reform from its very core. 

So i say this to my Italian friends: YOU HAVE ZEMAN. Use him! Be patient and confident. TRUST him! 

 

ZEMAN: calcio moderno, prima che fosse ... moderno

di Dan Achim (Bucarest)

Mi chiedo, nonostante i recenti risultati decenti a livello nazionale (finale CE 2012), perché il calcio italiano continui ad affondare sempre di più a livello di club? La risposta è in realtà abbastanza evidente. Non si adatta il calcio a ciò che sta accadendo in altre parti d'Europa, come la Spagna, la Germania e l'Inghilterra. Il calcio italiano oggi ha la stessa mentalità e la stessa preparazione degli anni '90, ma senza i giocatori del  '90. Senza migliori investimenti, questa strategia semplicemente non può funzionare. Così, l'intero sistema calcio italiano deve riorganizzarsi e riformarsi dalla base. Esattamente come ha fatto la Germania dopo il WC 2002. 

Non ho intenzione di fare riferimento qui al coinvolgimento dello Stato, ma affronterò il sistema che hanno impiegato a partire dal settore giovanile. Klinsmann e Löw hanno redatto una strategia che delinea un nuovo approccio al gioco (beh, nuovo per la Germania, ma, come vedremo, non è così nuovo, dopo tutto), con una mentalità offensiva fin dal primo minuto in campo. Questa filosofia fondamentalmente significava una specifica attenzione all’aggressività, pressing alto, giocando verticale, mantenendo la squadra corta sul campo in ogni momento e soprattutto velocità. Per essere in grado di sostenere un tale aumento del livello di pressing e ritmo, l'obiettivo principale deve essere la preparazione atletica. Con i moderni metodi imposti da preparatori atletici ben preparati (provenienti anche da parte dell'esercito!), come curve TRX, speedcourts, palle elastiche ecc. ed un’Emphasys sulla formazione del calciatore come “calciatore”, invece che di un corridore di lunga distanza, con mosse specifiche che un giocatore deve fare durante la partita, il nuovo sistema ha cominciato a prendere forma. Inoltre, questa nuova strategia implicava il brand di un nuovo approccio scientifico all'aspetto del recupero. 

Infatti, ha impiegato del tempo, ma il sistema ha prodotto e ancora continua a produrre giovani e sorprendenti talenti, tutti con lo stesso tipo di allenamento mentale e fisico. Ci sono voluti circa 10 anni per questo sistema per ottenere effettivamente i risultati, nella finale CL del 2013, la competizione per club più importante del mondo è stata contesa tra due squadre tedesche, Bayern Monaco e Borussia Dortmund, dopo aver superato i giganti spagnoli di Barcellona e Real Madrid. Per riassumere, questo è ciò che deve accadere in Italia, una nuova strategia che deve partire dai livelli più bassi, sia in termini di età, nonché in termini di leghe. Per questo la Federazione calcio con l'aiuto da parte dello Stato deve rivalutare le scuole di coaching, imporre nuovi metodi di formazione e di sostegno, di ottenere il know-how per l'impiego di personale qualificato. Tuttavia, questo non potrà mai prendere forma senza il coinvolgimento dei club. I club devono implementare questa strategia sin dal nucleo, i settori giovanili. La mentalità deve cambiare perché un giocatore deve possedere già tutte le competenze di base e la mentalità vincente quando raggiunge il livello professionale. Per qualsiasi allenatore, di questi tempi, è un compito difficile cercare di reinstallare tali valori nelle menti già sagomate e alterate di giovani giocatori. 

Dando uno sguardo più da vicino a quello che è successo di recente in Champions League, parliamo un po’ del confronto Roma- Manchester City. Credo che, nonostante un approccio coraggioso e corretto, la Roma ha dolorosamente capito la differenza tra il campionato italiano e il campionato inglese. Anche se stiamo parlando solo di ritmo, velocità, un ritmo che probabilmente (quasi) nessuna squadra italiana può sostenere in relazione a una inglese o una tedesca (vedi il disastro Bayern). Mi riferisco qui ai top team delle dette leghe. Come detto, al fine di essere in grado di adattarsi a quel livello di calcio, il cosiddetto calcio moderno, le squadre italiane devono rimodellare completamente e riqualificare la loro formazione fisica e mentale, altrimenti non saranno in grado di competere più ai massimi livelli. 

Per qualcuno può essere un paradosso, ma da quello che posso dire, l'unica squadra in Italia, in grado di sostenere il ritmo di un gioco inglese è il Cagliari.
Ok, possono perdere quella partita, ma mentalmente e fisicamente sono allo stesso livello. L'unica differenza sta nella qualità e nel budget e negli investimenti che quel genere richiede. Che, tuttavia, possono essere superati con l'esatta tipologia del progetto che Zeman sta attuando lì. Ci vuole tempo, perché è un progetto a lungo termine e che richiede pazienza e determinazione da tutte le persone coinvolte nella gestione del club, ma anche dai tifosi. Se gli viene permesso, Zeman, in 3-4 anni può creare una squadra che possa competere anche per il campionato, se i top team non cambiano drasticamente il loro approccio al calcio. Non è stupefacente che l’allenatore più innovativo e moderno nel campionato italiano è anche il più anziano? 

I metodi di Zeman sono attuati in tutta la Germania e l'Inghilterra ed è una sorpresa che sono in cima, proprio accanto ai top club spagnoli. Mentre in Italia c'è ancora tanta enfasi sui sistemi statici, lo stato iniziale del gioco nel campionato tedesco o inglese si concentra sulla dinamica dei sistemi tattici. L'impostazione iniziale è rilevante solo per i giocatori per capire il loro ruolo, ma nel calcio moderno, devono essere in tutte le posizioni. La sinistra wingback/fullback deve coprire la parte posteriore centrale sinistra quando si muove su una palla aperta, mentre allo stesso tempo il suo posto deve essere coperto. Tutta la squadra nel calcio moderno si muove come un organismo vivente. Questo è l'unico modo per vincere. Zeman ha impiegato questo sistema “wheel-type” anche dalle prime fasi della sua carriera e nonostante la sua configurazione iniziale sia il 433, questo sarà a volte come 235 o 451, a seconda della dinamica dell’azione. Se si guarda al 4231 di Klopp, in fase di attacco sarà esattamente come un 235 e un 451 in fase difensiva. E’ tutto così incredibilmente complesso, che, mentre i professionisti del calcio italiano e soprattutto i media si fossilizzano nell'analisi dei sistemi di partenza e posizionamenti statici, tutto il mondo competitivo si muove già in fasi differenti di gioco, prendendo il calcio interamente a nuovi livelli. 

Zeman lo ha capito molto prima di raggiungere i livelli di oggi. Egli era "moderno" prima che il moderno esistesse. Nel 1992 il Foggia è stato altrettanto rapido, stretto, aggressivo e semplice come il Dortmund del 2013. E' chiaro che se Zeman si fosse trasferito in Germania o in Inghilterra invece che stare in Italia, la sua mentalità sarebbe stata adatta come un guanto e avrebbe trovato lì un ambiente diverso, dove gli sarebbe stata data molta più fiducia e pazienza per creare squadre, che in Italia, dove l'unico scopo è il risultato a tutti i costi. Quando il calcio italiano era più forte finanziariamente o almeno allo stesso livello con l'Inghilterra per esempio, sarebbe stato effettivamente possibile. Ma nella condizione attuale non c’è più alcuna possibilità. Le tasse, i salari, i budget sono dieci volte più alti nei top club inglesi rispetto a quelli italiani. Quindi, prima di chiedere i risultati, i proprietari dei club devono prima guardare a quali condizioni stanno offrendo ad un allenatore per ottenere quei risultati. Al fine di aspirare a qualcosa, bisogna offrire il miglior ambiente possibile per lo sviluppo, sia in termini di strutture di formazione (inserisco questo link: https://www.youtube.com/watch?v=bJcSozlwl6c in modo che la gente possa capire che cosa dovrebbe essere una vera e propria base di addestramento nel 2014), che di budget, marketing e uno stadio. 

Mi pare di capire, l'attuale proprietario del Cagliari sembra un uomo d'affari intelligente che capisce come modellare e attuare un progetto a lungo termine, che ha obiettivi importanti per creare tutte le possibili strutture per ottenere le prestazioni reali. Questo progetto è solo nella sua fase iniziale. C'è ancora molto di più a venire, in tutti gli aspetti che coinvolgono le risorse. Con la presente rosa che possono permettersi in questo momento, il Cagliari sta producendo un calcio eccezionale, naturalmente c'è ancora molto margine di miglioramento per i giocatori in termini di intelligenza tattica, posizionamento, movimento senza palla, pressing, distanza tra i reparti e altri aspetti e automatismi che non possono essere implementati e completamente assimilati durante la notte. Con la primavera, il Cagliari sarà molto corto, molto più compatto, coerente e solido. Non c'è alcun dubbio nella mia mente che, dato il tempo e la fiducia dalla proprietà, Zeman creerà una squadra molto solida e piacevole. Molti giocatori andranno e verranno, finche non entreranno nella giusta posizione. Ci sono già prospettive molto interessanti e potenziali, molto giovani, e come tutti sappiamo, giovani significa incoerenti. Essi crescono accanto ai giocatori più esperti, assimileranno e capiranno meglio il loro ruolo nel gioco di Zeman, nel tempo. Le cose andranno meglio e alla fine i risultati arriveranno. Zeman ha il compito titanico di lavorare anche in termini di mentalità, che è stata ingiustamente assunta dai giocatori italiani nei loro primi anni di sviluppo. Quindi, in pratica si deve ripartire da zero, dicendo loro, in primo luogo, che al giorno d'oggi nel calcio è necessario entrare in campo con il pensiero di vincere e che può essere raggiunto solo attaccando, mettendo l'avversario sotto pressione, non nel modo che è stato loro insegnato nei periodi precedenti, che è quello di “parcheggiare l'autobus” sulla porta e, se fortunati, colpire in contropiede. Rendere i giocatori consapevoli, far loro assimilare e vivere secondo questa mentalità è il compito più difficile che Zeman deve superare. Dato lo spazio e la fiducia, io sono convinto che ci riesce. 

In conclusione, se il calcio italiano non cambierà, completamente, la sua mentalità e non lo adatterà a ciò che è il new-top oggi nel calcio, andrà ancora più a fondo. L'Italia ha bisogno di più manager come Zeman, la sua filosofia deve essere insegnata nelle scuole di coaching e attuata in accademie giovanili in tutto il paese, altrimenti il futuro sarà molto cupo per l'Italia in termini di successo. Come in qualsiasi campo di attività, anche nel calcio bisogna adattarsi per avere successo. I risultati non sono mai casuali, si basano sempre sulle strategie approfondite. 

L'Italia ha un gioiello come Zeman nel suo cortile di casa e invece di utilizzare il suo know-how, i media ne parlano male perché ha perso in casa un paio di partite? E allora?! Come ho detto, si tratta di un progetto a lungo termine, richiede tempo per creare quegli automatismi, richiede tempo per formare i giocatori giusti, per far  loro percepire veramente il gioco. Ma Zeman lo realizzerà, se gli viene dato tempo. Ciò che sembra essere molto preoccupante, a mio parere, è che quasi tutti i mezzi di comunicazione e allenatori di calcio in Italia, (con l'eccezione di Sacchi e di Benitez, che stenta in Italia ad adattare i giocatori a quello che è stato utilizzato per la Premier League), sembrano essere assolutamente all'oscuro di quello che sta succedendo nel mondo reale del calcio. Il vero mondo del calcio è quello al top dove pensano che l'Italia sia ancora. L’Italia non c'è più e non ci sarà per molto tempo. Almeno 10 anni se, e solo se, l'intero sistema calcio sarà completamente rivalutato, ristrutturato e riformato dalla sua stessa anima. 

Così ho detto a tutti i miei amici italiani: AVETE ZEMAN. Utilizzate lui! Siate pazienti e fiduciosi. Dategli FIDUCIA!