Chi siamo

Forum

01757723
Oggi
Ieri
Questa settimana
Nel mese
Lo scorso mese
Visite totali
90
371
1732
4442
10295
1757723
dal 30 marzo 2013

La bella Reggina di Karel Zeman e quattro chiacchiere col DG Martino!

18.09.2016 ZEMANlandia433

La bella Reggina di Karel Zeman e quattro chiacchiere col DG Martino!

di Stella Corigliano

La Reggina che gioca a Monopoli a 100 km da Lecce è un’occasione da non perdere per vedere dal vivo per la prima volta la squadra di Karel Zeman…  Ma mi spingo oltre di una trentina di chilometri e raggiungo il ritiro della Reggina 4 ore prima della partita,  un saluto veloce a Karel, una stretta di mano, un abbraccio e poi il Mister chiama a raccolta i suoi ragazzi per la riunione pre-partita, prima di pranzo.

Nella hall dell’hotel ho il piacere di conoscere il DG Gabriele Martino, che ha fortemente voluto Karel sulla panchina amaranto. Col DG Martino mi intrattengo in una lunga quanto piacevole chiacchierata. Si parla del più e del meno in grande cordialità.  Si dichiara ammirato dall’interesse che riscuote il suo allenatore Karel Zeman, ne parla con stima e con l’orgoglio di chi sente di aver scelto l’allenatore giusto, a dispetto degli scettici della prima ora che già si sono ricreduti grazie ai risultati e al gioco che Karel sta portando a Reggio Calabria. Ci tiene a ricordarmi le sue parole nella conferenza stampa di presentazione quando disse che Karel Zeman merita fiducia nell’ottica di un percorso basato sulla cultura del lavoro e del bel gioco. Fiducia ripagata, lo definisce un giovane serio e scrupoloso, dotato di grande equilibrio.

Si parla degli sforzi che ha fatto la Reggina per il ripescaggio, la corsa ad allestire la rosa che definisce all’altezza della salvezza.. anche se forse manca qualcosa e non è detto (mia impressione) che non si provveda nel mercato di gennaio.. per provare magari ad alzare l’asticella degli obiettivi. Gli dico che secondo me la Reggina può affermarsi come la rivelazione del campionato, annuisce compiaciuto. Il fatto che io sia di Lecce lo porta a rispolverare il ricordo di un carissimo comune amico, lo storico DS del Lecce Mimmo Cataldo, reggino di Siderno… orgoglio reggino che ha fatto grande il Lecce… Ne parliamo a lungo con affetto e un pizzico di commozione. Il DG Martino appartiene a quella generazione di grandi direttori sportivi degli anni 80-90… lui dal ‘90 è ancora sulla cresta dell’onda… ed è un piacere rispolverare tanti ricordi di quegli anni.  Ancora un altro ricordo lega il DG Martino a Lecce.. e a Zdenek Zeman… mi ricorda che lui era il DG della Lazio, nel 2004/05, quando il Lecce di Zeman asfaltò la Lazio di Papadopulo per 5-3.  Uno spot per il calcio, quella partita del Lecce.  La chiacchierata col DG Martino è piacevole e sarebbe bello strappargli altri racconti ed aneddoti ma l’orario della partita si avvicina ed è tempo di tornare verso sud e andare a prendere posto in tribuna a Monopoli. 

Fortunatamente non sono la sola a tifare Reggina… intorno a me tifosi storici, giornalisti e dirigenti della Reggina, il vice presidente Giuseppe Praticò, il segretario e lo stesso DG Martino . “Fortunatamente” perché mi piace osservare il loro compiacimento per la prestazione della Reggina di Karel Zeman e ne hanno ben donde visto che la Reggina parte subito arrembante e al secondo minuto è già in vantaggio con un bel gol dal limite di Porcino al termine di una pregevole azione corale. Il primo tempo è tutto di marca amaranto con una prestazione eccellente, pressing a tutto campo e giocate di grande qualità che per almeno 20 minuti annichiliscono il Monopoli, ma proprio nel momento in cui la Reggina sembra poter capitalizzare il raddoppio arriva il pareggio dei padroni di casa su palla inattiva con la complicità della difesa della Reggina un po’ leggera nelle marcature. Nel secondo tempo il Monopoli la mette sul piano agonistico, la Reggina non demorde conservando carattere e concentrazione, poche occasioni da gol per parte e partita equilibrata.
La Reggina esce dal Veneziani di Monopoli con un punto importante che porta a quattro i risultati utili consecutivi, una vittoria e tre pareggi, nono posto in classifica, ma soprattutto quattro prestazioni  più che soddisfacenti e la netta impressione che questa squadra possa continuare nel suo percorso di crescita sul piano del gioco e della mentalità propositiva e vincente, in casa e in trasferta. Buona la tenuta fisica se si pensa che la Reggina è una squadra che corre e che sul piano della corsa non ha mai mollato in questo trittico di partite in una settimana.
A livello dei singoli Gianola, nonostante qualche responsabilità (insieme a Kosnic) sul gol del pareggio, ha saputo leggere bene la chiusura in molte occasioni, Bangu onnipresente e generoso, Porcino inesauribile sulla fascia. Bene anche Possenti e, rispetto alle precedenti prestazioni, Oggiano più presente nel gioco  può ancora migliorare se impara a dialogare di più con i compagni di reparto.

La partita finisce con la squadra che va a raccogliere l’abbraccio simbolico dei tifosi amaranto presenti numerosi nel settore ospiti, mentre in tribuna intorno a me volti soddisfatti tra tifosi, giornalisti e dirigenti reggini… Karel Zeman aspetta che escano dal campo tutti i suoi ragazzi, lui esce per ultimo.. si sente un “bravo mister”…   sguardo verso la tribuna… ma non sono io…. io gli faccio “ok” col pollice.. ricambia con un sorriso e via… alla prossima!!!
Ops.. La prossima sarà Lecce-Reggina (2 ottobre)… dopo il derby casalingo col Cosenza.
Forza Karel.. avanti così!