Chi siamo

Forum

01747277
Oggi
Ieri
Questa settimana
Nel mese
Lo scorso mese
Visite totali
233
324
1512
4291
12363
1747277
dal 30 marzo 2013

Una giornata a Lugano a lezione dal Maestro

Il nostro amico zemaniano, Radic433, utente del nostro forum, dall'Italia a Lugano per assistere a un allenamento di Zeman, giovedì 26 novembre scorso . Lo ringraziamo per averci voluto raccontare la sua giornata al Cornaredo, tra tattica ed emozioni zemaniane.

30.11.2015 ZEMANlandia433

Una giornata a Lugano a lezione dal Maestro

di Radic433

LUGANO - Assistere agli allenamenti di Zdenek Zeman è un’esperienza che qualsiasi amante del calcio (e dello sport in generale) dovrebbe fare.

Lugano, temperatura vicino allo zero ma sole splendente, alcuni  giocatori prima dell’allenamento mattutino chiacchierano volentieri con qualche anziano del posto o con qualche tifoso che aspetta di assistere all’allenamento. Si respira un’atmosfera estremamente rilassata. Qui il calcio è ancora un gioco.

Il prof. Ferola insieme ai giocatori scende in campo su uno dei terreni sintetici e la seduta ha inizio con un breve riscaldamento mentre Zdenek Zeman e Vincenzo Cangelosi arrivano subito dopo, a passo lento, chiacchierando e concedendo un saluto gentile e un sorriso ai tifosi presenti, tra cui io.

Dopo una serie di allunghi, il Mister parla brevemente e a bassa voce alla squadra, prima di iniziare un’esercitazione tattica dedicata alla fase offensiva in cui è costante la ricerca delle triangolazioni veloci e della profondità. I ritmi sono alti e la concentrazione è massima. Zeman parla poco ma con concetti chiari e segue tutto con grandissima attenzione.  Qualcuno dipinge il Mister come un uomo freddo e burbero, invece se si ha modo di vederlo lavorare da vicino ci si accorge subito di come sia estremamente ironico, intelligente e di come, con questi ragazzi, si senta pienamente a suo agio. La seduta prosegue con una partita 11 vs 11 a campo leggermente ridotto e termina con alcuni esercizi di scarico mentre il Mister scambia qualche parola con i ragazzi prima di uscire dal campo concedendosi una meritata sigaretta.

Non è la prima volta che seguo gli allenamenti del Mister (e non sarà sicuramente l’ultima) ma questa volta ritorno a casa pienamente soddisfatto dopo aver visto un ambiente sano, un gruppo di calciatori seri e volenterosi disposti ad ascoltarlo e a seguirlo in pieno e dopo aver percepito nel Mister e nello staff grandissima serenità.